La pelle del neonato è più sensibile. Scopri come prendersene cura

15 maggio 2019

La pelle del neonato è più sensibile. Consigli per prendersene cura

La pelle del neonato è più sensibile. Consigli per prendersene cura

La pelle del bambino è più sensibile alle infezioni e alle irritazioni rispetto a quella degli adulti. Secondo studi condotti da alcuni docenti americani, l’epidermide nella prima infanzia è più debole che in età adulta e anche più permeabile, il che determina i rischi di secchezza, di infezioni e di arrossamenti. Anche il pH, necessario per garantire il benessere della pelle del piccolo, è diverso da quello degli adulti, e si altera con pipì e pupù.

Consigli pratici per evitare problemi

Secondo i medici del Bambino Gesù di Roma per prevenire gli arrossamenti conviene anzitutto cambiare il pannolino con frequenza, detergendo con cura e delicatezza la pelle, quando la zona è sporca. Si deve poi tamponare delicatamente il sederino, senza sfregare, perché la frizione non giova alla pelle sensibile. Ancora, non bisogna eccedere nell’applicazione di creme o paste emollienti se la pelle è sana e in caso di problemi occorre applicarle in uno strato sottile solo per due volte al giorno.

Per far rilassare i più piccoli, contribuendo a rimuovere i residui di sporco, viene data l’indicazione di fargli un bel bagnetto anche quotidiano, con acqua tiepida e detergente oleoso. In caso di pelle secca, è consigliato usare oltre ai bagni emollienti anche creme idratanti, così da equilibrare la barriera cutanea e proteggere l’epidermide delicata.

Libertà e prodotti adatti all’età

Anche abiti, lenzuola e salviette che si scelgono per il piccolo possono avere un’influenza sull’equilibrio della sua pelle. Per evitare problemi conviene lavare gli indumenti del piccolo con detersivi specifici, ipoallergenici e certificati per la loro tollerabilità. Ancora per abiti e biancheria intima meglio scegliere tessuti naturali e adatti alla cute delicata, specialmente quando si sa che saranno in contatto diretto con le zone critiche, come nel caso dei body.

Per proteggere la pelle delicata del piccolo, poi, molti genitori decidono di lasciare i loro bambini senza il pannolino in alcuni momenti. Per farlo si può approfittare della notte, mettendo un coprimaterasso in più e dei tessuti protettivi.

Infine, per proteggere la pelle dei piccoli, si devono utilizzare prodotti specifici, che contengano ingredienti delicati e capaci di ridurre al minimo il rischio di reazioni allergiche.

Ad ogni cambio del pannolino acqua e sapone possono non bastare perché il contatto con pipì e pupù nel pannolino fa alzare velocemente il pH della pelle sopra il livello naturale, aumentando l’attività degli enzimi irritanti responsabili di arrossamenti e irritazioni.

pampers-baby-freshDiventa allora utile affidarsi ad esempio alle salviettine Pampers Baby Fresh, che aiutano a ridurre il rischio di irritazioni, poiché imbevute di una formula esclusiva in grado di ripristinare all’istante il pH naturale della pelle dei piccoli e di mantenerlo a lungo, lasciando una piacevole sensazione di freschezza, come dopo il bagnetto.

Commenti