24a ventiquattresima settimana di gravidanza | Dolce Attesa
apri modal-popupadv apri modal-popupadv

24a ventiquattresima settimana di gravidanza

Affrontiamo la ventiquattresima settimana di gravidanza con tante nuove informazioni interessanti per te!

Come cresce il tuo bambino

ventiquattresima settimana di gravidanza
ventiquattresima settimana di gravidanza

Dopo la 24ª settimana il feto è in grado di udire normalmente, non solo i rumori fisiologici del corpo materno (il cuore, il respiro, la circolazione sanguigna) ma, in parte, anche quelli esterni. Le sue doti di “ascoltatore” sono una scoperta recente e rivoluzionano la vecchia convinzione che il bambino sia un foglio bianco su cui cominciare a scrivere solo dopo la nascita. Da metà gravidanza in poi, il bebè ha la capacità di riconoscere la voce della mamma (se lei gli parla affettuosamente, lui si emoziona e il suo ritmo cardiaco cambia) e anche del papà; distingue alcune semplici sillabe e fa evoluzioni nel liquido amniotico al ritmo di una musica (che deve essere dolce, altrimenti scalcia infastidito). L’udito, quindi, è fondamentale per creare una sorta di “legame familiare” anticipato. E gli stimoli sonori concorrono allo sviluppo cerebrale del bambino, imprimendosi nella sua memoria.

Cosa ti succede nella ventiquattresima settimana di gravidanza

24b

Negli ultimi mesi il pancione preme sul diaframma impedendo un’adeguata dilatazione e rendendo più faticosa la respirazione (ma – non preoccuparti!- l’ossigeno circola ugualmente bene nel corpo). Questo inconveniente può essere superato con facilità: il diaframma è un muscolo e con un allenamento corretto può garantire buone prestazioni pure in condizioni non ottimali. Imparare a respirare bene è fondamentale, soprattutto in gravidanza, per regalare sensazioni di benessere e rilassamento non solo alla mamma, ma anche al feto.

Per scoprire i benefici che la tecnica del rebirthing può darti in questi mesi e durante il travaglio, leggi Respirare nel modo giusto in gravidanza.

Esami

Tra la 24ª e la 27ª settimana dovrai eseguire un esame completo delle urine e misurare la glicemia. Per la futura mamma è importante misurare di tanto in tanto la glicemia per tenerne sotto controllo l’effetto sull’organismo. Il 5% circa delle donne in attesa sviluppa, infatti, il cosiddetto diabete gravidico, un’alterazione del modo in cui l’organismo utilizza il glucosio, lo zucchero del sangue che fornisce energia alle cellule.

Carboidrati, li conosci davvero?Cosa devi sapere per la prevenzione

E’ ora di…

Preparare Fido e Micia! Oltre a una mamma e un papà, ad accogliere il tuo bambino all’uscita dell’ospedale ci sarà anche un animale domestico? Se questo desta in te delle preoccupazioni, è bene che tu sappia che raramente la convivenza di un cane o di un gatto con un neonato si rivela difficoltosa. La presenza di un quattrozampe non altera in alcun modo l’equilibrio di una famiglia che si allarga a patto che l’animale abbia già un suo posto definito. Il rapporto che si crea nel tempo tra l’animale e il bambino è positivo e dal punto di vista sanitario si può stare tranquilli: l’importante è che i controlli dal veterinario siano regolari. Intanto, però, fai in mdo che anche Fido e Micia si preparino all’arrivo del bebè.

Per scoprire come, leggi Due cuccioli sotto lo stesso tetto, la convivenza di neonati e animali domestici.