10a decima settimana di gravidanza | Dolce Attesa
apri modal-popupadv apri modal-popupadv

10a decima settimana di gravidanza

Tutto quello che devi sapere per la tua decima settimana di gravidanza: cosa ti succede e cosa è ora di fare, per te, per il bimbo e… per il papà!

Come cresce il tuo bambino

La sensibilità al tatto si estende al viso e ai genitali.

Cosa ti succede nella decima settimana di gravidanza

decima settimana di gravidanza
decima settimana di gravidanza

Cominci ad avere un piccolo accenno di “pancia”. Il volume del sangue in circolo nel tuo corpo aumenta. Prima che tu rimanessi incinta, il tuo utero aveva la dimensione di una piccola pera. Da questa settimana, invece, è grande come un pompelmo. Potrebbe essere già arrivato il momento di indossare abiti premaman; oppure no, ma anche se entri ancora nei tuoi vestiti abituali inizi a sentirti meno comoda e le coppe del reggiseno probabilmente non ti contengono più come prima (il cambiamento è dovuto a un leggero aumento di peso e al gonfiore). Se ancora non ti senti pronta per gli abiti premamam, prediligi comunque abiti con cinture elastiche o coulisse, pantaloni a vita bassa e, in genere, capi morbidi e confortevoli.

Leggi anche l’articolo: Quanto cresce il pancione?

Esami

Tra la 10ª (non prima!) e la 13ª settimana eseguirai la prima ecografia: serve a visualizzare il battito cardiaco fetale, per controllare se la gravidanza è singola o gemellare e per misurare le dimensioni dell’embrione e stabilire la sua età. A volte, infatti, è difficile calcolare con precisione la data di inizio gestazione sulla base dell’ultima mestruazione, soprattutto se la mamma prima del concepimento aveva un ciclo irregolare.

Tre sono le ecografie previste dal SSNLe altre servono davvero?

E’ ora di…

In gravidanza l’acido acetilsalicilico (l’aspirina) è vietato per gli effetti nocivi che provoca sul feto. In particolare, i farmaci antinfiammatori non steroidei (come l’acido acetilsalicilico e la nimesulide), se assunti di frequente nella seconda parte della gravidanza possono portare a una prematura chiusura del dotto arterioso di Botallo, il vaso che mette in comunicazione la circolazione sanguigna del feto con quella della madre, garantendo la distribuzione di sangue ossigenato agli organi del nascituro. In più, queste sostanze riducono la funzione renale del feto e possono quindi diminuire la quantità di liquido amniotico in cui il bimbo è immerso. In caso di mal di testa e sempre sotto il controllo del ginecologo è meglio assumere paracetamolo, che non ha effetti dannosi sul nascituro.

Per approfondire, leggi l’articolo: Farmaci: sì o no in gravidanza?