Anche il fumo del papà può danneggiare il feto | Dolce Attesa
apri modal-popupadv apri modal-popupadv

Anche il fumo del papà può danneggiare il feto

Anche il fumo del papà può danneggiare il feto

Se desiderano un bambino, anche i futuri papà farebbero bene a smettere di fumare. A mettere in guardia contro i danni del fumo al maschile è una nuova ricerca dell’University of Bradford in Gran Bretagna, che ha indagato i danni sul feto, provocati dagli spermatozoi dei fumatori. Si è visto che il Dna del nascituro potrebbe essere così danneggiato dal vizio paterno da vedersi aumentare le possibilità di sviluppare un tumore.

Lo studio ha messo in evidenza come alcuni dei marker di danni al Dna contenuto nello sperma o nel sangue del padre al momento del concepimento, si ritrovino anche nel Dna dei figli. Come ha spiegato Diana Anderson, l’autrice della ricerca che è stata pubblicata sul Faseb Journal: Tramite dei biomarker molto sensibili siamo stati in grado di determinare il ruolo dell’esposizione al fumo nei padri prima, dopo e durante il concepimento. Esiste una correlazione evidente tra biomarker del danno da fumo nei padri e danni al Dna dei figli“.

Lo studio ha inoltre confermato quanto già emerso  al Congresso annuale Eshre – European Society of Human Reproduction and Embriology, ovvero che la frammentazione del DNA spermatico, determinata anche dalle sigarette, può favorire gli aborti spontanei.

Commenti