La rivoluzione dei papà: più presenti in sala parto | Dolce Attesa
apri modal-popupadv apri modal-popupadv

La rivoluzione dei papà: più presenti in sala parto

La rivoluzione dei papà: più presenti in sala parto

Questo il dato emerso dall’VIII Rapporto Cedap sull’evento nascite in Italia, pubblicato dal Ministero della Salute: 9 papà su 10 si fanno coraggio ed assistono sempre più frequentemente al momento del parto, la percentuale supera il 92% (esclusi i cesarei).
Le mamme italiane sono sempre meno sole ad affrontare uno dei momenti più importanti della loro vita: la nascita di un figlio, in barba ai consigli del luminare francese Michel Odent che invita i futuri papà a sostare nella sala d’attesa dell’ospedale per non mettere ansia alle donne in travaglio, si vive in coppia. La rivoluzione si è compiuta negli ultimi 5 anni con una percentuale passata da circa il 60 ad oltre il 90%. I nuovi padri si fanno sempre più partecipi, consapevoli e coraggiosi.

Dal Rapporto è emerso anche che:

  • ci sono più parti negli ospedali che nelle cliniche private: l’88,4% dei parti è avvenuto negli Istituti di cura pubblici, l’11,4% nelle case di cura e solo 0,2% altrove;
  • il 59% delle donne che ha partorito nel 2008 lavora;
  • l’età media della madre è di 32,4 anni per le italiane mentre scende a 28,9 anni per le cittadine straniere.
  • Si conferma il ricorso eccessivo al parto per via chirurgica. In media, il 37,8% dei parti avviene con taglio cesareo;
  • per circa 6.227 parti si è fatto ricorso ad una tecnica di procreazione medicalmente assistita (PMA), in media 1,14 ogni 100 gravidanze.

Commenti