La chiave della felicità? Mantenere il rispetto di sè!
apri modal-popupadv apri modal-popupadv

La chiave della felicità? Mantenere il rispetto di sè!

La chiave della felicità? Mantenere il rispetto di sè!

A una neomamma bastano pochi giorni per rendersene conto. Dopo il parto il protagonista diventa il bambino e di chi l’ha dato alla luce ci si dimentica. Lo fanno i mariti, i neo nonni, spesso le amiche. Il problema è che in molti casi, anche le stesse neo mamme lo fanno, finendo per mettersi da parte, annullarsi e dimenticare la propria identità di donne. Uno squilibrio che va a sommarsi ai già grandi cambiamenti di questa fase. Invece occorre trovare un po’ di tempo per lavorare su di sè e sulla propria femminilità, anche perché una mamma serena e felice rende il piccolo e l’intera famiglia più tranquilla.

Un messaggio diretto per i piccoli
L’attaccamento al proprio piccolo si dimostra anche trasmettendogli nozioni positive e atteggiamenti di felicità – sottolinea Luca Pozzi, psicologo dell’Italian Medical Center di Londra. Il bimbo legge ciò che vede nei genitori. Quindi se la mamma è positiva e i genitori insieme sono felici e complici, il bambino, pur piccolissimo, se ne accorge e assimila questo atteggiamento. Anche per questa ragione è particolarmente importante che la mamma conceda del tempo a sè stessa”. Ad esempio accettando che per una sera alla settimana siano i nonni a prendersi cura del piccolo per qualche ora permettendole di andare al cinema con il marito o di uscire a cena. In qualche modo, soprattutto all’inizio, la mamma deve obbligarsi a pensare a sè stessa, coltivare la sua femminilità e soprattutto capire che non si tratta di egoismo. “Una buona norma per rendersi conto che ne ha bisogno è introdurre l’abitudine di un check settimanale – dice il dottor Pozzi. Una specie di verifica di cosa ha fatto nei giorni precedenti per sè stessa. Deve chiedersi cosa ha fatto per il bambino, per il marito, per gli altri e poi per sè. Rendendosi conto dello squilibrio di attenzione, che sicuramente l’ha lasciata all’ultimo posto nella graduatoria, la donna capirà che deve riorganizzarsi e crearsi spazi per le cose che ama, come andare dal parrucchiere, farsi le unghie, uscire a bere un caffè con le amiche per fare due chiacchiere che le permettano di sentirsi ancora donna”. Come spiega lo psicologo, citando la teoria di Gary Chapman, gli esseri umani sono contenitori emotivi che vanno riempiti di sensazioni positive, di ricordi, di gioie. Se questo non accade, l’equilibrio geerale dell’individuo ne risente.

Il contattoPerchè è così importante?

L’importanza del sonno e della condivisione
L’altra cura fondamentale che bisogna avere riguarda il sonno. Troppo spesso le mamme non dormono abbastanza e si sacrificano, assumendosi tutto il peso dei risvegli notturni. “Questo però influisce sulla loro serenità, perché la mancanza di sonno provoca un aumento del cortisolo, l’ormone dello stress, che si porta dietro altre conseguenze negative” insiste il dottor Pozzi. Dunque, per ritrovare sè stessa una neo mamma deve ritagliarsi tempi senza il bimbo per fare le cose che la rendono felice e la interessano ma anche concedersi un riposo adeguato. Secondo lo psicologo, il terzo suggerimento di cui tenere conto è quello di seguire siti Internet e blog che si occupano di maternità e bambini o condividere sensazioni con le altre mamme che si incontrano al parco, in piscina, nei centri dedicati all’infanzia. La condivisione di paure e ansie serve in realtà a far capire che non si è sole e soprattutto che i problemi sono comuni. Il che li rende meno gravi e più facili da affrontare.

Dal 1983, quando è nata, l’azienda Suavinex ha in qualche modo rivoluzionato il settore della puericultura leggera, diventando la prima azienda che trasforma succhietti, biberon e clip in autentici accessori alla moda per i bimbi. L’idea di fondo è che per rispettare il bambino, ma anche il gusto e lo stile della sua mamma, si debbano poter coordinare gli accessori, proprio come fanno i grandi. Così un semplice accessorio può diventare un segno distintivo, un piccolo lusso. Suavinex, peraltro, non offre solo prodotti per l’allattamento con il biberon, succhietti e accessori, ma lavora a  360 gradi per rendere più facile la vita di mamma e bimbo, con prodotti per l’allattamento, la sterilizzazione, la dentizione e l’apprendimento psicomotorio. Oltre a una vasta gamma di trattamenti corporali per donne in gravidanza e mamma. Che le aiutano a volersi bene e ad essere più felici.

Commenti