apri modal-popupadv apri modal-popupadv

Tampone vaginale per la ricerca della clamidia

Tampone vaginale per la ricerca della clamidia

Ci sono alcuni esami che molti ginecologi prescrivono anche nelle gravidanze fisiologiche, ma che non sono raccomandati dalle linee guida dell’Istituto Superiore di Sanità salvo indicazioni specifiche. Alcuni ginecologi consigliano a tutte le future mamme di sottoporsi a inizio gravidanza a un tampone vaginale per la ricerca della clamidia, un agente infettivo spesso asintomatico che aumenta il rischio di rottura precoce delle membrane e aborto spontaneo o parto pretermine.

Un’eventuale infezione da clamidia diagnosticata precocemente, nelle prime settimane di attesa, può essere efficacemente trattata prima che faccia danni. L’esame seppure non è compreso tra quelli gratuiti, né raccomandato dalle linee guida, è consigliabile a tutte le future mamme. Le linee guida dell’ISS raccomandano l’esecuzione del test solo in presenza di alcuni fattori di rischio, a giudizio del medico curante. Per esempio, se la donna ha un nuovo partner, o partner multipli.

Leggi: L’agenda dei tuoi esami in gravidanza

Commenti