Volare in gravidanza: si può prendere l'aereo in gravidanza? | Dolce Attesa
apri modal-popupadv apri modal-popupadv

Permesso o vietato? Scopri cosa non fare in gravidanza

1 di 24

Volare in gravidanza: si può prendere l’aereo in gravidanza?

Volare in gravidanza: si può prendere l'aereo in gravidanza?

L’aereo è un mezzo di trasporto sicuro e non ha controindicazioni in gravidanza. Fino a quale mese si può volare in gravidanza? Quali potrebbero essere le conseguenze? Le risposte nel video della ginecologa Stefania Piloni.

Si può prendere aerei rispettando i limiti imposti dalle compagnie. E’ escluso un rischio aumentato di trombosi venosa per le donne incinte.

Volare in gravidanza, le regole variano in base alla settimana e al tipo di attesa. Per le donne incinte è sicuro volare fino alla 37esima settimana di gravidanza, mentre per chi aspetta gemelli si può prendere un aereo fino alla 32esima settimana. Questi gli aggiornamenti riportati sulla guida del Royal College of Obstetricians and Gynaecologists del Regno Unito, che è stata revisionata recentemente e racchiude un elenco di nuovi suggerimenti utili per le donne in gravidanza che vogliono prendere l’aereo. Alle future mamme si raccomandano alcune precauzioni  per prevenire eventuali trombosi venose profonde durante i viaggi a lungo raggio.  Ad esempio, i medici consigliano di ridurre al minimo il rischio di formazione di coaguli di sangue in voli di durata superiore a 4 ore, ovvero il rischio di trombosi venosa profonda, facendo degli esercizi sul posto ogni 30 minuti. Secondo gli esperti che hanno scritto le linee guida bastano anche piccole passeggiate sul velivolo. Le donne incinte, come sappiamo, sono particolarmente a rischio di trombosi venosa profonda e stare sedute per periodi prolungati può provocare la formazione di coaguli del sangue in una gamba o nel bacino.

Viaggiare in gravidanzaI consigli per viaggiare sicura

La guida raccomanda anche di indossare abiti larghi e scarpe comode, di scegliere un posto lato corridoio, di bere acqua a intervalli regolari, di ridurre il consumo di bevande contenenti alcol e caffeina e di indossare calze elastiche. Sul fronte dell’esposizione alle radiazioni ionizzanti, gli esperti assicurano che quel leggero aumento che si verifica durante i voli, non è pericoloso né per la mamma né per il nascituro. Nessun rischio neppure con i controlli all’aeroporto con il body scanner. Tuttavia, la guida esorta a non prendere l’aereo quando ci sia il rischio di parto prematuro. “Prima di volare e’ importante discutere di eventuali problemi di salute o complicazioni della gravidanza con l’ostetrica o il medico”, ha detto Philippa Marsden, presidente della Patient Information Committee del Royal College of Obstetricians and Gynaecologists.

Si possono affrontare lunghi viaggi in aereo?

L’aereo è considerato relativamente sicuro fino al settimo-ottavo mese di gravidanza. Le compagnie possono però attuare diverse restrizioni e richiedere un certificato medico, pertanto è meglio informarsi prima di acquistare il biglietto. I voli di durata superiore alle 6 ore aumentano il rischio di trombosi venosa (l’occlusione di vasi degli arti inferiori) a causa della bassa pressione atmosferica presente negli aeroplani. Tuttavia la futura mamma può mettere in atto misure preventive, come indossare calze elastiche contenitive o graduate, alzarsi e passeggiare nel corridoio almeno 10-15 minuti ogni ora ed eseguire semplici esercizi da seduta, per esempio tenere i piedi appoggiati a terra e poi alzare ritmicamente le punte dei piedi, oppure flettere ed estendere le caviglie ripetutamente.

Commenti