Mamma eco: letture responsabili | Dolce Attesa
apri modal-popupadv apri modal-popupadv

Mamma eco: letture responsabili

Mamma eco: letture responsabili

L’ultimo bambino nei boschi. Come riavvicinare i nostri figli alla natura, di Richard Louv, 19 euro.
Per i bambini del mondo occidentale, cha passano dagli ambienti domestici alle aule scolastiche spesso salendo e scendendo da un’automobile, la natura non è più l'”ambiente naturale”, ma qualcosa di esotico ed estraneo, spesso vissuto come pericoloso. L’autore parla così degli effetti da “disturbo da deficit di natura” e dei rimedi per aiutare genitori e figli a stabilire un contatto diretto con la natura. Contatto assai utile anche per curare altri disturbi e malattie dell’infanzia e dell’adolescenza di oggi, come l’obesità e il deficit di attenzione.

Sicuri in rete. Guida per genitori e insegnanti all’uso consapevole di internet e dei social network, di Mauro Ozenda e Laura Bissolotti, 14,90 euro.
Genitori meno “esperti” dei figli quando si parla di web. Con questo libro si tenta di colmare il digital divide tra generazioni: perché mamma e papà si aggiornino e comprendano potenzialità e pericoli di quel potentissimo strumento che è Internet, perché imparino a proteggere i loro figli da pedofili online e cyber-bulli, ma anche a trovare risorse utili per la loro formazione. Partendo dal presupposto che è ormai impossibile non conoscere la Rete.

Fare il formaggio in casa. Dal latte alla caciotta in dieci semplici mosse, di Roberta Ferraris, 4 euro
Con poche semplici regole e spesa, l’autrice, esperta di caseificazione domestica, racconta e spiega i principi base (dall’acidificazione lattica alla lavorazione alla conservazione del formaggio) per l’autoproduzione di formaggi in casa. Per provare, poi, tre ricette alla portata di tutti: un formaggio fresco, una cagliata tipo caprino o robiola, un formaggio da stagionare. Indicazioni utili anche su dove procurarsi il latte (di vacca, di pecora, di capra), l’attrezzatura essenziale e le buone pratiche tradizionali, oltre a utili consigli per preparare ricotta e yogurt.

Sarto subito! – La rivoluzione corre sul filo: come imparare a fa da sé abiti e accessori, di Valentina Simeoni, Alberto Saccavini, Nadia Gozzini, 5 euro
Un elogio del fai da te, le indicazioni per realizzare gonne, pantaloni, camicie, borse e per trasformare vecchi abiti. In più, indirizzi dei negozi dove acquistare stoffe bio o tessute a mano e un’intervista all’inventore delle taglie.

 

Adesso pasta! – Guida alla pasta biologica, artigianale equa e solidale, al giusto prezzo. Storie di farina, acqua e produttori resistenti, di Chiara Spadaro, 5 euro.
La prima guida alla pasta biologica, equa e artigianale in Italia. Un libro che impasta infinite combinazioni di farina e acqua, buone prima di tutto per il palato ma anche per la salute, l’ambiente, la biodiversità, la giustizia sociale e la legalità. Per scegliere spaghetti e rigatoni fatti di tutt’altra pasta.

 

Pulizie creative – Detersivi e cosmetici naturali fai-da-te, per la casa e la cura di sé. Manuale con ingredienti e ricette, di Elisa Nicoli, 4 euro
Un manuale di ecologia domestica per creare detersivi da bucato, per stoviglie e superfici: semplici da realizzare, efficaci e con ingredienti naturali, rispettosi di salute e ambiente. Una selezione rigorosa di saponi, lozioni e creme che attendono innumerevoli tentativi d’imitazione, per aver cura di sé, dai capelli alle mani, dal viso alla punta dei piedi. Per essere puliti fino in fondo.

 

Per non circondarlo di oggetti inutili
Bebè a costo zero. Guida al consumo critico per accogliere e accudire al meglio il nostro bambino
, di Giorgia E. Cozza, Il Leone Verde, 18 euro.
Si parte dall’affollato mondo dei prodotti per l’infanzia, distinguendo le reali esigenze di mamma e bebè dai bisogni indotti dalla pubblicità. Il risultato è una vasta scelta di suggerimenti pratici per evitare spese inutili e circondare il proprio bambino solo di quanto può realmente favorire il suo sviluppo psico-fisico e una crescita armoniosa. Non senza pensare anche alla salvaguardia dell’ambiente. Con la consulenza di numerosi esperti – pediatri, pedagogisti, ostetriche e psicologi – e le testimonianze di decine di mamme e papà.

Per ridurre la pattumiera
Zero rifiuti – Manuale di pratiche individuali e collettive per prevenire i rifiuti, cambiare la propria vita e l’economia
, di Marinella Correggia, Altreconomia Edizioni, 5 euro.
Un libriccino di 104 pagine che spiega, con esempi concreti, come fare per vivere in una casa con una pattumiera leggera e in una città senza discarica, prevenendo la formazione dei rifiuti, anziché smaltirli.

 

E tu, lo sai fare?
Dalla ricetta della colla di riso a quella del dentifricio a base di argilla, dai consigli per raccogliere fiori selvatici a quelli per coltivare i germogli, ricavare sacchetti regalo dalle maniche delle vecchie camicie oppure… costruirsi un pannello solare! È una miriade di suggerimenti la nuova versione, riveduta e aggiornata, di IO LO SO FARE – Dagli oggetti quotidiani all’energia: piccola guida all’autoproduzione creativa e al riuso, scritto da Marinella Correggia per Altreconomia (3 euro).
Perché saper fare da sé non è poi così difficile, è divertente, economico ed ecologico.

 

Alice salva il pianeta
Il Giardino dei Cedri è una nuova collana di libri per bambini da 0 a 6 anni. Tra le sue ultime uscite c’è Alice salva il pianeta (di G. Cozza e M.F. Agnelli, 10 euro), un libriccino che racconta la storia di tre cuginetti che si divertono ad aiutare i genitori nella gestione della raccolta differenziata, non sprecando l’acqua in casa, non sporcando la natura quando sono all’aperto. Perché le buone abitudini e il rispetto dell’ambiente s’imparano fin da piccoli.

 

La storia delle cose
Annie Leonard
è un’attivista americana che ha passato 20 anni della sua vita girando il mondo per analizzare problemi di carattere ambientale e giuridico. Dalla sua esperienza è nato il documentario La Storia delle Cose, che, in rete dal 2007, è diventato un fenomeno su Internet, ha avuto milioni di contatti da tutto il mondo e ancora oggi continua a essere visto. La sua forza è che in soli 20 minuti riesce a descrivere in maniera semplice e sintetica, aiutandosi con un cartone animato, il ciclo di vita dei prodotti che utilizziamo ogni giorno, la corsa al consumismo iniziata negli Anni Cinquanta e le ripercussioni ambientali e i costi sociali del nostro attuale sistema economico.
Dopo questo primo video la Leonard ha girato anche La storia dell’acqua in bottiglia, La storia dei cosmetici e La Storia dell’elettronica, tre video della durata di 10 minuti che spiegano come le multinazionali sono abili a costruire la domanda di prodotti spesso inutili e a sedurci per comprarli. Se ancora non li conosci, per vederli basta andare su Youtube e digitare il titolo del documentario.

Commenti