Moglie a carico | Dolce Attesa
apri modal-popupadv apri modal-popupadv

Moglie a carico

Moglie a carico

Sono un giovane ingegnere che presta lavoro dipendente presso un’azienda campana. L’ottobre dell’anno 2011 mi sono sposato e di conseguenza ho a carico mia moglie. Vorrei, gentilmente, sapere se mi spetta l’assegno familiare solo per mia moglie, oppure ho diritto alla sola detrazione di coniuge a carico (coniuge non lavoratore – detrazione al 100%). Il mio datore di lavoro mi ha liquidato dicendomi che l’assegno mi spetta solo se ho dei figli a carico e che al momento mi verrà calcolata una detrazione diversa scaturita dal coniuge a carico. Prima di chiarirmi nuovamente con la proprietà dell’Azienda, vorrei un suo consiglio.

L’assegno per il nucleo familiare interessa le famiglie dei lavoratori dipendenti e altre categorie in particolari situazioni di reddito ed è differenziato in rapporto al numero dei componenti. I limiti di reddito sono stabiliti ogni anno dalla legge. Vi sono speciali tabelle che può consultare anche via internet dalle quali emerge che se il suo reddito annuo (riferito al 2010) ha superato € 22.196,15 lei non ha diritto all’assegno, se invece rientra nella fascia tra € 19.026,73 e € 22.196,14 percepirà per il coniuge un assegno mensile di € 10,33  anche se non ha figli. Per quanto riguarda la detrazione posso confermarle che lei ha diritto alla detrazione IRPEF per il coniuge a carico e che l’importo varia in base al reddito. Preciso che per i lavoratori dipendenti l’”assegno per il nucleo familiare” ha preso il posto degli “assegni familiari” anche se continuano a beneficiarne alcune categorie tra le quali i lavoratori autonomi pensionati, i coltivatori diretti, mezzadri e coloni attivi.

Commenti